Teatro benessere allo snodo 3.4

Era un giorno di ottobre del 2014 e stavo attraversando con il mio amico e collega Andrea Robbiano le strade di Novi Ligure alluvionate. Mai avrei pensato che quella città potesse subire un’inondazione, essendo la stessa priva di fiumi. 
Passando sotto il ponte della ferrovia, dopo aver percorso Via Garibaldi, vedevamo nostri allievi comuni spalare il fango con il sorriso sul volto perché contenti di avere il diritto di aiutare la comunità. 
E’ lì che ho espresso ad Andrea un’idea che da tempo abitava nel mio corpo, ma che quelle immagini resero reale: l’idea di realizzare un corso di Teatro Benessere, dove potevo mescolare training e tecniche teatrali e studi più o meno olistici relativi alla consapevolezza del corpo e della persona. 
Tutto questo al solo fine di aiutare le persone a mantenere il loro benessere, ad esserne consapevoli, a fare in modo che questo benessere ci accompagni a lungo per tutta la nostra esistenza. Un corso quindi che, a differenza dei nostri, non prevedesse oltretutto un’esibizione finale, ma che fosse svolto al solo fine di fare passi verso la propria felicità. 
Andrea mi ascoltò molto volentieri e si dimostrò entusiasta dell’idea, me la appoggiò e io trovai la forza dopo pochi mesi di metterla a punto. 
Nacque infatti l’anno successivo il mio primo corso di Teatro Benessere con una decina di allievi e da allora è un percorso che amo e in cui credo profondamente. 
Mi hanno aiutato poi negli anni successivi collaboratori erano interessati e affascinati da questa modalità e dal progetto, come Paolo Plazza e Pierfranca Zuccotti che ringrazio ancora ora per questo contributo. Quest’anno il corso avevo deciso di chiamarlo Snodi o Sette Nodi, sette come i punti energetici principali presenti nel nostro corpo e che si possono bloccare e quindi anche portare a liberare, per far sì che la nostra energia possa scorrere fluida. 
Ma il lockdown e l’emergenza sanitaria odierna non possono ancora permettere un incontro in presenza. 
Sento spesso la mia amica e collega Daniela Tusa in questo periodo in cui la sosta mi permette ancora più di studiare e approfondire. Con lei sento una forte comunione di vedute e so che è costantemente alla ricerca di conoscenza che arriva nel profondo del proprio Sé. 
Per questo le ho proposto se avesse desiderio di condurre insieme a me un seminario online su Teatro Benessere, modulo questo che chiameremo Snodo 3.4, perché ci soffermeremo inizialmente proprio sui punti energetici 3 e 4 che chiameranno in causa la nostra determinazione, il nostro coraggio e la nostra accettazione. Fondamenti questi importanti per affrontare al meglio un nuovo anno dopo il difficile anno appena trascorso.
Le lezioni saranno quattro. Tutti i martedì dal 15 dicembre al 5 Gennaio su piattaforma Zoom e l’iscrizione dovrà avvenire entro il 12 dicembre mandando un messaggio wapp al numero 338 9635649.

Il costo sarà di 90 euro.

Le lezioni saranno quasi essenzialmente di esercizi pratici e verrà fornito agli allievi materiale per potersi esercitare a casa nel modo corretto come e quando lo desidera.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Laura Gualtieri

Un pensiero su “Teatro benessere allo snodo 3.4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us