Perché serve una legge che punisca la propaganda fascista

Spesso ci chiedono perché lavorare per una legge che punisca la propaganda fascista e nazista e la vendita di oggetti con simboli che richiamano a quelle ideologie. In fondo siamo una Repubblica Democratica che affonda i suoi valori nella lotta al nazifascismo e con una Costituzione che vieta già la ricostituzione del partito fascista.

Da anni ci siamo cullati nella convinzione che questo bastasse e abbiamo assistito impassibili al proliferare dell’esposizione ovunque di simboli che richiamano a fascismo e nazismo, frutto di anni di sottovalutazione del fenomeno del ritorno di queste ideologie che mai come oggi sono pericolose. Ma qualcosa è cambiato.

Il ‘Rapporto Italia 2020’ dell’Eurispes ci dice che dal 2004 ad oggi è aumentato il numero di chi pensa che la Shoah non sia mai avvenuta: erano solo il 2,7% oggi sono il 15,6%. Inoltre, secondo l’indagine, riscuote nel campione un “discreto consenso” l’affermazione secondo cui “Mussolini sia stato un grande leader che ha solo commesso qualche sbaglio” (19,8%) e che “ordine e disciplina sono valori molto amati dagli italiani” (12,7%). Ma la cosa che ormai è diventata “vulgata” comune è che il fascismo abbia fatto cose buone , come ha detto anche Antonio Tajani quando era presidente del Parlamento Europeo, e che tollerare le manifestazioni del fascismo sia un qualcosa che ha a che fare con la libertà di opinione.

In realtà siamo di fronte ad una emergenza democratica: per questo nel dicembre 2017 ho promosso l’istituzione di una Anagrafe Antifascista come spazio di dialogo e di denuncia, ma soprattutto di impegno dei valori della nostra Costituzione dopo anni in cui vi era l’ottimismo che la stabilità democratica del nostro Paese non fosse a rischio. I populismi sono diventati sovranismi, i fenomeni di rievocazione del ventennio da fenomeni limitati a fenomeni di massa e nessuno o quasi si indigna più. Oggi siamo di fronte ad un Paese incattivito, ad una opinione pubblica anestetizzata ed ormai abituata a questi messaggi.
Oggi riteniamo fondamentale che dal basso si riparta per riparlare dei valori della nostra Costituzione e attualizzarli. Il fascismo e il nazismo sopravvivono nelle intimidazioni, nei pestaggi, nell’ideologia della sopraffazione che pervade i social, le minacce ai giornalisti che provano a scoprire il mondo del neofascismo e neonazismo, nei saluti romani, negli striscioni negli stadi e nei fischi contro i calciatori di colore. Questa proposta di legge pone freno a tutto questo. Ho scelto di ripartire da una legge di iniziativa popolare dal basso per difendere la nostra Costituzione e i suoi valori. I simboli di quella ideologia compaiono ovunque, negli stadi, in alcune manifestazioni di piazza, nelle attività economiche, nei calendari e vengono tollerate, segno che la legislazione vigente non è sufficiente. Non vogliamo una limitazione delle libertà democratiche, ma di un’opera di giustizia.
L’iniziativa non poteva che partire da questo luogo simbolo della violenza fascista e nazista: oggi Sant’Anna di Stazzema è una delle capitali dell’antifascismo inteso come affermazione di tutte libertà democratiche e costituzionali. Una legge che parta dal basso per evitare la diffusione e l’esaltazione di queste ideologie. Siamo di fronte a nuovi razzismi, nazionalismi, sovranismi che attraverso il ripudio della memoria e allo stravolgimento della storia provano a minare la base della nostra democrazia che è la nostra Costituzione. Per questo invitiamo tutti a recarsi presso il proprio comune di residenza per sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare “Norme contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e la produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti”. Si è creato un bel movimento a sostegno dell’iniziativa che ci rende fiduciosi nel fatto che nel Paese sia vivo il sentimento di difesa della Resistenza e della Costituzione. Dobbiamo arrivare a 50mila firme e insieme ce la faremo.

Maurizio Verona
Sindaco di Stazzema
Presidente Comitato promotore Legge Antifascista

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Maurizio Verona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us