Consiglio, i Dem: meglio salvare il Basso Pieve dalle inondazioni che l’Accademia Gastronomica

Nel consiglio comunale che si aprirà stasera e si concluderà lunedì, convocato per l’approvazione del bilancio di previsione, saranno discussi anche due emendamenti che sono state presentate dal gruppo di opposizione democratica. 

Il primo emendamento riguarda l’utilizzo dei fondi compensativi del terzo valico ferroviario per la costruzione del nuovo scolmatore al fine di evitare il rischio di allagamenti nel centro urbano e nelle aree del basso Pieve e della Merella. 

Il nuovo scolmatore era già stato richiesto al Cipe, che nella delibera 82 del 22 dicembre 2017 aveva previsto valutazioni e azioni concrete di tutela dell’assetto idrogeologico a partire dal Rio Gazzo. Valutazioni e azioni che la nuova amministrazione non ha però mai sollecitato. Se l’emendamento Dem sarà approvato dovrà essere ribadita la richiesta, già presentata dalla precedente amministrazione, di includere nelle opere di sistemazione idrogeologica collegate alla linea del terzo valico, la realizzazione di un nuovo scolmatore. 
I Dem chiedono anche che il comune valuti la possibilità di impiegare su questo obiettivo la quota spettante dei 49.000.000 destinati per il piano di sviluppo. Fondi che questa amministrazione invece ha pensato di usare per il recupero della cavallerizza e la costituzione dell’accademia enogastronomica (leggi museo del cioccolato). 

La richiesta di usare i fondi per il terzo valico per la sistemazione idrogeologica del basso pieve era stata avanzata nei giorni scorsi anche dai cittadini della zona attraverso un volantino. 

Il secondo emendamento Dem riguarda il consorzio intercomunale trasporti. Si chiede che sia esclusa l’ipotesi di sopravvivenza in perdita o di soccorso finanziario a piè di lista da parte del comune. In sostanza, di andare oltre al “piano di sopravvivenza in perdita” del cit presentato dal comune.

-------

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us