Una amministrazione trasparente un po’ troppo opaca

I pubblici amministratori sono tenuti a rendere conto ai cittadini. Questo vale sia per gli eletti, quali sono i consiglieri comunali, sia per quanti sono chiamati dai comuni a rappresentarli in seno alle società partecipate. Questi dati, per legge, devono essere resi disponibili sui vari siti dei vari enti. 

Siamo andati a navigare in rete per vedere se queste disposizioni sono rispettate. Premettiamo che non è facile destreggiarsi nella ricerca, visto che la sezione “amministrazione trasparente”, obbligatoria per legge, spesso è un poco macchinosa da rintracciare. Quindi, potrebbe anche essere che i dati da qualche parte ci siano, ma non siamo riusciti a trovarli. Provateci anche voi, se li trovate fatecelo sapere a ronza@ilmoscone.it

Partiamo dal comune di Novi Ligure, dove dovrebbero essere pubblicati curriculum, dichiarazioni dei redditi e stato patrimoniale di consiglieri, sindaco e assessori. Nei prossimi giorni andremo a curiosare anche nei siti degli altri comuni.

I dati sul consiglio comunale ci sono, anche se con alcune mancanze. Per il consigliere Enrico Moncalvo manca la dichiarazione dei redditi, mentre per Marco Bertoli manca sia la dichiarazione dei redditi che lo stato patrimoniale. Mancano totalmente, nel senso che non sono neppure elencati, i consiglieri Alfredo Lolaico e Francesco Bonvini, subentrati rispettivamente a Bergaglio e Lasagna, anche loro assenti dal prospetto. Stessa cosa per gli assessori: mancano i dati di Delfino e Sisti, ma non ci sono neppure quelli di Cuccuru e Dolcino, che hanno sostituito. In sostanza, il sito è stato aggiornato togliendo i nomi dei dimissionari (o, nel caso di Cuccuru, dei dimessi) senza però mettere i nuovi. 

Situazione più complicata per le società partecipate, e in particolare per la “galassia” Acos

Per la capogruppo, Acos SpA, nella sezione “amministrazione trasparente” mancano curriculum, compensi e dichiarazioni dei redditi del nuovo consiglio, composto da Laveroni Maura (Presidente), Pafumi Giorgio (Amministratore Delegato), Butti Alessio (Vice Presidente), Debenedetti Dario e D’Arrigo Elena (consiglieri). Presenti per il vecchio consiglio, guidato da Silvia Siri, tutte le dichiarazioni dei redditi e tutti i dati obbligatori per legge, comprese le retribuzioni. 

Curiosamente, il link alla voce “sanzioni per mancata comunicazione” non funziona. 

Le cose non vanno meglio per Gestione acqua. C’è il nuovo consiglio di amministrazione (composto da Gnocchi Giovanni presidente, Garberi Francesca, Manzi Maite Sara, Daffonchio Antonella e Bidone Andrea) ma non ci sono i curriculum né le dichiarazioni dei redditi, né i compensi percepiti. Presenti però quelli dei Cda precedenti. Nella pagina “Sanzioni per mancata comunicazione dei dati” c’è il “lorem ipsum”, un testo generico senza significato usato dai programmatori per formattare un testo a caso in attesa di quello definitivo. 

Per Acosì, la società del Gruppo Acos che si occupa di gestione calore e servizio energia, c’è la sola indicazione della composizione del CdA:  Carrosio Angelo (Presidente), Repetto Lara e Bianchi Francesco Maria Consiglieri. Nella sezione amministrazione trasparente, quella dove – lo ripetiamo – per legge devono essere presenti i dati degli amministratori, troviamo ancora una volta tutto dei precedenti amministratori, ma nulla dei nuovi. 

Nella pagina “sanzione per mancata comunicazione dei dati” c’è un testo senza senso

A questo punto la domanda, rivolta al sindaco e ai vari amministratori: le norme sulla trasparenza sono pienamente rispettate dai nuovi amministratori incaricati dal comune di Novi, che sono anche quelli passibili di sanzione in caso di mancato rispetto delle normative? 

Ma soprattutto, così come sono presentati i dati, è impossibile capire se venga rispettato il decreto 165/2001, che viete il conferimento di incarichi di amministratore in società controllate a pensionati, a meno che non prestino la loro opera a titolo gratuito. Ci sono pensionati nominati in seno a consigli di amministrazione?

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us