Fai, si aprono Raia e Marchesa

In modalità Covid che rende obbligatoria la prenotazione, scattano le giornate del Fondo Ambiente Italiano in programma sabato 15 e domenica 16 maggio 2021. Dalle nostre parti, aperte le tenute della Raia e della Marchesa, e di particolare pregio la passeggiata alla scoperta dell’antica via del Sale.

Le Giornate FAI di Primavera sono il primo grande evento nazionale dedicato ad arte e cultura organizzato dopo l’ultimo periodo di lockdown. Anche quest’anno la grande manifestazione di piazza del FAI, dal 1993 il più importante evento dedicato al patrimonio culturale che celebra arte, storia e natura, torna a coinvolgere gli italiani – dopo i mesi difficili vissuti – nell’entusiasmante scoperta delle bellezze che ci circondano, grazie all’apertura di 600 luoghi in 300 città e 19 Regioni, molti dei quali poco conosciuti o accessibili in via eccezionale, visitabili in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti.

 I posti disponibili sono limitati; prenotazione obbligatoria sul sito www.giornatefai.it fino a esaurimento posti disponibili ed entro la mezzanotte del giorno precedente la visita 

La Delegazione FAI Novi Ligure insieme al Gruppo FAI Giovani propongono l’apertura di due luoghi particolarmente rappresentativi del legame della cultura del territorio con i paesaggi vitivinicoli che caratterizzano le colline novesi in direzione Gavi.

La tenuta la Marchesa  espressione di un antico passato che affonda le proprie origini nel Seicento (la Cascina Saula, dapprima Sacca dal nome del suo vecchio proprietario, oggi sede di un accogliente agriturismo) e nel Settecento (la Villa Marchesa, realizzata dall’aristocratica famiglia genovese dei Sauli, con l’oratorio tardo barocco e le sue forme semplici ma armoniche che derivano dalla vocazione prevalentemente agricola e non già di villeggiatura).

La tenuta La Raia con l’Azienda Agricola è impegnata nella ricerca continua di una produzione in armonia con l’ambiente e con la Fondazione La Raia – arte cultura territorio nata nel 2013, persegue l’obiettivo di promuovere una riflessione critica sul paesaggio tramite lo sviluppo di attività artistiche, culturali, didattiche e di ricerca volte a promuovere la conoscenza del territorio del Gavi. Con il progetto Nel Paesaggio la Fondazione ha reso possibile, fino ad oggi, l’installazione di diverse opere permanenti di artisti contemporanei di fama internazionale che punteggiano il territorio della tenuta il cui cuore è rappresentato dalla cantina che è stata interessata da un ampliamento caratterizzato dal connubio di antico e moderno, nella quale i criteri tecnologici più avanzati si sposano con l’antica tecnica costruttiva locale del pisé, tipica di molti edifici rurali del territorio costruiti con l’impiego della terra cruda.

Entrambe le visite – della durata ciascuna di circa un’ora-un’ora e mezza – si svolgeranno all’aperto e consentiranno di apprezzare il paesaggio con percorsi agevoli che si snoderanno tra i vigneti e i campi delle due tenute (per godere al meglio della visita si consigliano comunque scarpe comode).

I gruppi di visita saranno accompagnati dagli Apprendisti Ciceroni del Liceo Amaldi di Novi Ligure.

La Delegazione Fai Novi Ligure invita inoltre a partecipare al percorso di visita organizzato dal Gruppo 7 Castelli che propone per la giornata di domenica 16 maggio dalle ore 9.00 alle ore 18.00 una passeggiata lungo le antiche vie del sale. Sarà l’occasione per percorrere un tratto della via del Sale visitando piccoli ma preziosi edifici di culto campestri – solitamente chiusi – e potersi calare nello spirito dei carrettieri e dei pellegrini medievali. San Pantaleo in località Masino, la chiesetta di San Sebastiano, il Castello Spinola con il suo ricetto e la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, la piccola chiesa di San Bernardo, quella di San Giovanni al Piano ed infine San Rocco, sono la ricca offerta proposta dai volontari del Gruppo.

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us