Quanno l’insetto vola e ronza…

Quanno l’insetto vola e ronza
po’ esse che quarcuno da de matto,
e penza e ripenza e ponza 
mo’ decide: “ora basta” e quindi ratto,
che in fonno in fonno lui lo è sorcio,
“lo ammazzo e le alette gliele scorcio”.

Se guarda appresso e cerca lo strumento, 
la nera gioventù alessandrina c’aveva a mazza,
ma son altri tempi, meno ardimento,
ce va quarcosa che la spiaccichi ‘sta moscazza,
chiede a mammà che gli porge una ciabatta,
forse l’intenzione è n’altra, ma ci s’arrabatta.

L’amico suo, quello c’ha studiato,
tira fuori il flit, un metodo assai brutto,
quello l’insetto te lo fa morire soffocato,
basta un spruzzo e un rutto 
e il moscone l’è del tutto defunto,
perché noi c’avemo il pelo, pure un po’ unto.

Ma ‘sta moscazza dev’esse radioattiva,
il flit se lo prenne come un buon aperitivo,
non solo non defunge, ma è arzilla e viva,
tu spruzza finche vuoi ché io lo scrivo,
e quer che conta è che poi c’è chi legge
ché quel che conta è se il discorso regge
.

“Brutto schifoso d’un moscaccio
che semini feic nius da cattivone,
ora un gesto definitivo lo faccio,
un colpo te piazzo con lo scopettone,
ché con tablet sto sulla tavoletta
e me viene comodo, vo’ di fretta.”

Ogni favoletta c’ha ‘na morale,
se ce sta na cosa te bruscia tanto,
proprio più non reggi e te pja male,
da’ retta a me, copiare non è un vanto
non basta averci il penzamento
perché se nessuno legge, poi nun sei cuntento.

Io so’ Pasquino, cantore de libero penziero e il biglietto
con le rime sotto la fontana del putto di San Pietro metto.

(dedicata agli amici de “La Paletta”)

-------

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Pasquino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us