Processo Dattola, Ferrari del “Bunet” assolto in appello

La corte d’appello di Torino si è pronunciata sull’operazione “Monopoli”che aveva svelato un traffico di estorsioni, spaccio di droga e intimidazioni che ruotavano intorno al ristorante Bandiera di Novi Ligure, gestito da Domenico Dattola. 
Dattola è il principale imputato ed era stato condannato dal tribunale di Alessandrialo scorso anno a 20 anni di carcere. La pena è stata dalla Corte d’Appello di Torino a 13 anni, 10 mesi e 15 giorni. A finire nei guai con Dattola furono diverse persone condannate in primo grado: tra loro sua moglie Carmen Scaffini e la figlia di lei, Jasmine Bellardino. Pene ridotte anche per loro: per Scaffini da 15 a 7 anni, mentre per la figlia la condanna è stata ridotta da 2 a un anno e 6 mesi. 
Pene confermate per Salvatore Romano (3 anni e 6 mesi) e Marcello Chiappetta (4 anni). 
Assolto invece Giuseppe Ferrari, noto a Novi per aver gestito per anni il ristorante Bunet presso il museo dei Campionissimi. In prima battuta Ferrari era stato condannato a 3 anni e 6 mesi dal tribunale di Alessandria. 
Restano chiusi e in abbandono i locali dell’ex ristorante Bunet. Di proprietà comunale, sembrava dovessero essere affidati all’Itis Ciampini Boccardo per la realizzazione dei laboratori del corso enogastronomico, ma poi non se ne è saputo più nulla. 

la pizzeria Bandiera


Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us