Oggi a Hortus si parla di eutanasia e referendum con Orlando e Vignoli

Oggi pomeriggio, venerdi 13 Agosto, è in programma il dibattito “Liberi fino alla fine”. Il 20 aprile scorso è stato depositato presso la corte di cassazione il quesito referendario per la legalizzazione dell’eutanasia, promosso dalla Fondazione Luca Coscioni.  

La richiesta del referendum non è che la tappa finale di un percorso ormai lungo, che è cominciato con le battaglie per l’interruzione volontaria di gravidanza, per la gravidanza medicalmente assistita, per il consenso informato e le Disposizioni Anticipate di Trattamento nei trattamenti medici, per l’accesso alle cure palliative compresa la sedazione profonda e continua.

“Da 15 anni una proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia giace nei polverosi cassetti del Parlamento; nell’ottobre 2018 la Corte Costituzionale con l’ordinanza 24 ha sollecitato, inascoltata, il Parlamento a legiferare su questo tema con urgenza facendo chiari riferimenti al dettato costituzionale e alla legge 219, dicembre 2017. Per questi ritardi e questa insensibilità inaccettabili è necessario chiedere un referendum. Forse qualcuno obietterà che forse questo che stiamo vivendo non è il momento giusto per questa iniziativa. Ricordo che quest’anno in Spagna le Cortes hanno approvato la legalizzazione dell’eutanasia, nonostante la pandemia credo che per la difesa del diritto ad una fine dignitosa, lontana dalle sofferenze inutili, sia sempre il tempo.” ha detto Giacomo Orlando, che sarà intervistato e sollecitato da Andrea Vignoli

Contestualmente sarà attiva la raccolta firme per il referendum.

-------

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us