Ex macello comunale, che macello di rifiuti!

Nei proposti di Marco Bertoli, c’è la definizione dell’anno questione dell’area Z3. Siamo andati a curiosare all’interno dell’area dell’ex macello civico, in via Pietro Isola, e ne abbiamo trovato delle belle. 

Una delle ipotesi di cui Bertoli ha parlato nella commissione urbanistica convocata per discutere sul possibile futuro dell’area, è quella dello scambio tra l’area in cui oggi è il supermercato Lidl, con l’area successiva lungo la strada, quella appunto occupata da quanto rimane delle strutture del macello civico. Le due aree non sono uguali: quella della Lidl, posteggio compreso, è di circa 5700 mq, mentre in oggetto di scambio è più grande di circa 3000 mq. Quella della Lidl è però ovviamente in perfetto stato, mentre quella del macello è pesantemente degradata. 

È sufficiente entrare nel piazzale dell’ex macello, poco prima della rotonda, per vedere la situazione che vi documentiamo nelle foto. Nel piazzale sono abbandonate delle auto senza targa, a cui sono state anche asportate delle parti. Ma la situazione peggiore è quella dietro il portino che rappresentava l’ingresso dell’ex macello. Il portino, su cui grava il vincolo delle belle arti, sarebbe anche di aspetto gradevole (forse potrebbe essere conservato e restaurato) con le teste di toro che ne adornano la volta. Ma dietro il portino la situazione si fa indecente: cumuli di rifiuti nel piccolo piazzale e anche all’interno dei magazzini, mezzi abbandonati (una Ape Car che probabilmente un tempo ha prestato servizio per il comune), suppellettili di ogni tipo abbandonate. 

Non siamo in grado di dirvi se il valore delle due aree è equivalente: quella di proprietà comunale è più grande, ma le condizioni attuali sono davvero indecenti. 



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us