Amag vuole comprarsi Gestione Acqua: cosa c’è dietro?

Sta facendo discutere la dichiarazione di Paolo Arobbio (nella foto), presidente di Amag spa (l’azienda multiservizi del comune di Alessandria) che intende procedere all’acquisizione di Gestione Acqua, lo società partecipata di Acos (la cui quota di maggioranza è del comune di Novi) che si occupa delle risorse idriche. 
«Al fine di consolidare il percorso già avviato con il prolungamento della Concessione idrica al 2034 e con il Contratto di Rete Idrica AGC, il Gruppo, vista la solidità patrimoniale, sta valutando di riportare Gestione Acqua (l’azienda che gestisce il Servizio Idrico Integrato nell’area del Tortonese e del Novese) in ambito totalmente pubblico» ha dichiarato Arobbio.
Immediata la presa di posizione dei gruppi consigliari del Pd di Alessandria e Novi Ligure: «Rilasciare una dichiarazione come quella fatta senza che i consigli comunali della città di Alessandria e della città di Novi ne abbiano mai discusso, col solo intento di coprire e mascherare le difficoltà in cui il gruppo Amag che versa, lascia esterrefatti» hanno dichiarato i Dem.
«A seguito di queste affermazioni tramite i nostri gruppi consiliari chiederemo chiarimenti ai Sindaci di Alessandria e Novi, Gianfranco Cuttica e Gian Paolo Cabella, il cui silenzio oltre ad essere assordante è imbarazzante. 
Leggere della volontà di acquisizione di una partecipata di un comune su quella di un altro comune come se fosse ad uso e consumo della maggioranza politica pro-tempore che guida Novi e Alessandria (per quest’ultima crediamo che si tratti solo di pochi mesi ancora) sembra rispondere a logiche legate alla volontà di un capo partito piuttosto che alle esigenze di crescita e di tutela dei servizi per i cittadini.
Infine, non usino la foglia di fico dell’acqua pubblica: i beni comuni per noi sono essenziali, ma si difendono con aziende partecipate che siano al servizio delle loro comunità e non del potente politico di turno»
.

Andrea Bidone rappresenta il comune di Novi nel CdA di Gestione Acqua

Gestione Acqua è partecipata, oltre che da Acos Spa, da Asmt Tortona e da Amias SpA. Asmt è di proprietà dei comuni della zona tortonese, mentre Amias (Azienda Multiservizi Idrici ed Ambientali Scrivia) è anch’essa una società a totale capitale pubblico i cui soci sono i Comuni, tra cui Novi e Tortona. 
Ma è Acos che detiene la maggioranza di Gestione Acqua (63,21%). Anche Acos è partecipata dai comuni della zona novese, ed ha come socio industriale Iren
La dichiarazione di Arobbio lascia più dubbi che certezze. Attendiamo chiarimenti dal sindaco di Novi Gian Paolo Cabella (che detiene la maggioranza di Acos), Giorgio Pafumi (amministratore delegato di Acos) e di Andrea Bidone, nominato dal comune di Novi amministratore di Gestione Acqua.
Si è aperta la scalata ad Acos, una delle poche aziende con i conti in ordine nel settore delle multi-utility? Fino a poco tempo fa era Acos che procedeva ad acquisire altre società… 
Approfondiremo la questione nei prossimi giorni, speriamo anche con le dichiraazioni di chi ha responsabilità in Acos e in comune a Novi. 



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us