Io non firmerò nessuna petizione per Mimmo Lucano

Io non firmo nessuna petizione per Mimmo Lucano. Non scendo in piazza, non grido allo scandalo, non esprimo la mia “umana solidarietà”, non critico una sentenza che non ho letto, non mi metto a fare confronti tra le diverse condanne inflitte ad altri imputati di reati ben più gravi.

Mimmo Lucano merita altro, questo Paese merita altro, i giovani che in queste stesse ore manifestano a Milano meritano altro. Il Tribunale di Locri probabilmente (anzi, quasi certamente) ha applicato la legge, esercitando un assurdo potere discrezionale in punto quantificazione della pena. Paradossalmente, quel giudice (minuscolo quanto minuscola e meschina dev’essere la sua persona) ha fatto un regalo a Mimmo Lucano, comminandogli una pena talmente sproporzionata, da far gridare allo scandalo anche i più convinti forcaioli (il Felpa escluso).
Questa sentenza si trasformerà in un boomerang, la vicenda giudiziaria di Mimmo finirà a Strasburgo, interverrà chiunque in sua difesa.
Ma quel che mi preoccupa e mi amareggia e mi rattrista più di ogni altra cosa è che questa vicenda rischia di diventare la pietra tombale sulla Giustizia, di sgretolare definitivamente la residua fiducia dei cittadini nella Legge, nello Stato, nella Magistratura. E allora credo che dovrebbero essere prima di tutto i magistrati a reagire, i giuristi a parlare, non per commentare apoditticamente una sentenza ma per capire come e perchè si sia giunti ad un epilogo così drammatico e triste.
La mia solidarietà a Mimmo Lucano è scontata, ma credo che non serva a nulla. Io penso di avere invece il dovere di lavorare, per quel che posso e che so fare, perchè non possa più ripetersi un fatto del genere. Questo è il Paese che ha mandato a processo Danilo Dolci, in Sicilia negli anni 60, che ha processato Erri De Luca, è il paese delle stragi senza colpevoli da Portella della Ginestra in poi. E’ il paese dove i famigliari delle vittime di Piazza Fontana, della Strage di Bologna, di Ustica, dell’Italicus attendono una risposta da decenni. Dove la corruzione ed il potere delle mafie hanno raggiunto livelli spaventosi e si è fatta sistema, nella quasi indifferenza generale. L’indignazione deve lasciare spazio alla reazione, una reazione civile, non violenta e soprattutto politica, altrimenti è tutto inutile.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Paola Sultana

2 pensieri su “Io non firmerò nessuna petizione per Mimmo Lucano

  1. Io invece se sarà necessario scenderò in piazza , gridero’ allo scandalo , esprimere la mia umana solidarietà e critico con forza e convinzione questa sentenza e faccio il confronto con altre condanne a mafiosi. Certo solo la mia voce è ben poca cosa ma unita a tante altre cambierà questo sistema forse,

  2. Io invece se sarà necessario scenderò in piazza , gridero’ allo scandalo , esprimere la mia umana solidarietà e critico con forza e convinzione questa sentenza e faccio il confronto con altre condanne a mafiosi. Certo solo la mia voce è ben poca cosa ma unita a tante altre cambierà questo sistema forse,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us