A Bosco Marengo il punto sui beni confiscati alla criminalità organizzata

Il comune di Bosco Marengo, unitamente a Libera, la rete di associazioni antimafia, e l’associazione Parcival, organizzano per martedì 26 ottobre alle ore 11.00 presso il complesso monumentale di Santa Croce, un incontro sui beni confiscati alla criminalità organizzata presenti sul territorio della Provincia di Alessandria e sulle prospettive per il loro riutilizzo sociale.

All’incontro, che si terrà nella sala Gorbacev del complesso monumentale di Santa Croce, interverranno Francesco Zito, Prefetto di Alessandria, Gianfranco Gazzaniga Sindaco del Comune di Bosco Marengo, Simona Ronchi Direttore dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati, sede di Milano, Paola Sultana referente provinciale di Libera,  Carlo Piccini, referente del bene confiscato di Bosco Marengo, Rosangela Conte, Presidente dell’associazione Parcival che ha in gestione “Cascina Saetta”.

Il Prefetto illustrerà l’attività svolta dallo “sportello informativo e di orientamento” attivato presso la Prefettura nel mese di luglio in collaborazione con l’UPO – Dipartimento di Studi Giuridici, politici, economici e sociali. Simona Ronchi interverrà sul ruolo e le funzioni della sua agenzia.

L’incontro sarà anche l’occasione per fare il punto sul riutilizzo di Cascina Saetta, il primo bene confiscato e riutilizzato in provincia di Alessandria. 

L’iniziativa è rivolta in particolare ai Comuni ed agli Enti del Terzo Settore e del privato sociale che sono i soggetti direttamente interessati nel procedimento di assegnazione e riutilizzo sociale dei beni confiscati. 

L’ingresso è consentito solo se in possesso di Green Pass.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us