Simone Tedeschi: area Z3, per ora vediamo solo una speculazione immobiliare

Area Z3: un’enorme porzione della città di Novi Ligure da riqualificare, su cui si sono spesi vari progetti, fiumi di parole e di inchiostro. La scorsa settimana la giunta comunale ha approvato la delibera di indirizzo proposta da Marco Bertoli, consigliere delegato al problema. 
Il piano di Bertoli ha preso le basi, la partenza, da quello dell’architetto De Simone, presentato dalla giunta Muliere. 

tedeschi
Simone Tedeschi

Abbiamo chiesto a Simone Tedeschi, capogruppo dei Dem in consiglio comunale, cosa ne pensa degli indirizzi approvati dalla giunta.
«Innanzitutto, bisogna precisare che per ora non c’è nulla di concreto su cui discutere. C’è un documento di indirizzo, ma non c’è un progetto da vedere, nulla di formale è stato presentato. Come gruppo Dem attendiamo la presentazione dei documenti per riunirici e discuterne».

In commissione però se ne è parlato.  
«Si, ci sono delle line di indirizzo su cui mi sento di fare qualche valutazione. Innanzitutto c’è una obiezione generale, di fondo, su questo piano. Il progetto di De Simone aveva l’obbiettivo di recuperare quell’area in maniera da integrarla il più possibile sia con il centro storico, tanto con l’asse della passeggiata, di Corso Marenco e via Raggio, cercando di fluidificare il traffico, aumentare la ciclabilità e la pedonabilità, dare più spazio al verde. L’obbiettivo era quello di favorire una mobilità sostenibile, tenendo presente anche che l’area presenta problematiche dal punto di vista idrogeologico, come abbiamo visto negli eventi alluvionali. Intervenire sul quell’area può e deve essere anche un modo di mettere mano a questi problemi». 

Nel progetto di Bertoli questi obbiettivi mancano?
«Sinceramente, non si capisce quali siano gli obiettivi di fondo della Lega e di Bertoli. Per ora, quello che vediamo è semplicemente un’operazione di speculazione e compravendita, però non riusciamo a capire quale sia la cornice del progetto rispetto alla politica del territorio»

Si tratta solo di una operazione immobiliare?
«Ci sono molti punti che ci lasciano perplessi. Nel progetto manca la stazione dei pulmann, dove far convergere tutte tutti i capolinea delle linee. Poi c’è il discorso della cavallerizza. Ci sono 3 milioni e mezzo da spendere in questo progetto dell’accademia enogastronomica, ma non c’è nessun progetto preliminare». 

Tre milioni e mezzo sono una grossa cifra. 
«Indubbiamente. D’accordo che si tratta di un immobile vincolato, ma non si riesca a capire dove e come verranno spesi tutti questi soldi. Una cifra così importante, spesa nel centro dell’area, senza che nessuno specifichi che cosa che viene fatto e in che relazione sta con tutto il resto del progetto dell’area»

Per l’area Z3 è stato sacrificato Delfino? 
«Dal punto di vista politico, abbiamo capito che questa è una delle motivazioni delle dimissioni di Delfino ma probabilmente ce ne sono molte altre. Penso che, nonostante quello che dice ufficialmente la Lega, si siano resi conto dei danni che questo assessore ha fatto in quest’anno all’amministrazione della città. Danni in termini di forzatura dei rapporti con tutta la macchina comunale, per non parlare dei rischi in cui ha messo anche i consiglieri comunali di maggioranza. Quello che si sa è che Delfino era contrario a questo piano». 

Giudizio sospeso sul piano?
«Per forza. Ad oggi, deve essere chiaro, il piano non c’è, non esiste. È stata fatta una delibera di indirizzo molto generale dalla giunta, una delibera che accoglie le proposte di Bertoli ma non c’è neppure l’ombra di uno studio serio. Non c’è nulla nero su bianco… Stiamo parlando di fumo negli occhi, dato ai giornali per far sembrare che stanno lavorando, ma in realtà ad oggi non è ancora stato fatto nulla di concreto». 



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

andrea vignoli

Giornalista, scrittore, insegnante.

Torna in alto

Contact Us