Libera: attenti ai fondi del Pnrr, dove arrivano i soldi arriva la mafia

L’allarme è stato lanciato sabato pomeriggio ad Alessandria da Maria Josè Fava, la referente regionale di Libera, la rete di associazioni antimafia fondata da Don Ciotti. 
«Dobbiamo vigilare sui fondi del Pnrr e sugli appalti che ne seguiranno – ha detto Fava – arriveranno fondi cospicui e sappiamo bene che gli interessi della criminalità organizzata si muoveranno per intercettare questo flusso finanziario, in tutto il territorio nazionale»
Maria Josè Fava è intervenuta presso la casa di quartiere di Alessandria, dove sabato 20 novembre si è tenuta l’assemblea provinciale di Libera. Fava, insieme alla referente provinciale Paola Sultana, ha tracciato le linee di azione dell’associazione. 
«Dobbiamo riallacciare rapporti veri con le reti territoriali – ha detto Sultana – il Covid ha rallentato le attività ma ora dobbiamo ripartire». Contrasto al gioco d’azzardo, riutilizzo dei beni confiscati alla mafia, formazione e partecipazione le principali linee di intervento delineate nel corso dell’assemblea, a cui hanno partecipato anche rappresentanti di associazioni del territorio come l’Anpi e il sindacato pensionati. 

Nel corso dell’assemblea è stata rinnovata la segreteria provinciale dell’associazione, e confermato il coordinamento provinciale a Paola Sultana che sarà affiancata dal giovane Fabio Lenti, studente di 18 anni.

(nella foto di apertura, Fabio Lenti, Maria Josè Fava e Paola Sultana. Sotto, un momento dell’assemblea)



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us