Le Rsu di Acos: Sindaco, condanni quei manifesti e tuteli i lavoratori

Le Rsu del Gruppo Acos hanno ribattuto alla risposta che il sindaco di Novi Ligure Gian Paolo Cabella aver dato alla loro prima richiesta di intervento.
Nella sua risposta Cabella aveva scritto di non sapere chi fossero i rappresentanti sindacali di Acos, e che non spetta a lui trattare con le parti sindacali dell’azienda. Va ricordato che le Rsu hanno scritto a Cabella in quanto come sindaco rappresenta il socio di maggioranza dell’azienda, e il manifesto contro i regali di natale in Acos è stato fatto dal suo partito, la Lega.

Ecco la risposta delle Rsu:

Egr.Sig.Sindaco,
siamo qui a presentarci:
RSU Acos S.p.A. – Acos Energia S.p.A. – Acosì s.r.l.- Reti s.r.l. : Maurizio Lanzavecchia (CGIL), Daniele Mascia (CGIL), Simone Repetto (CISL),
RSU Gestione Acqua S.p.A. – Giacomo Costa (CISL), Vincenza Gagliostro (CGIL), Andrea Lot (CGIL), Ferruccio Repetto (CISL). Di seguito per brevità RSU Gruppo Acos.
Sarebbe bastata una verifica da parte Sua per conoscere i nominativi della rappresentanza sindacale unitaria democraticamente eletta da tutti  i lavoratori.
Non ci è sembrata rispettosa la forma da Lei utilizzata nella Sua comunicazione del 10 novembre u.s dalla quale appare insofferenza e disattenzione ai temi da noi posti.
I dipendenti del Gruppo Acos, da noi rappresentati, si sono offesi per la denigrazione pubblica e soprattutto per la successiva rettifica da parte degli autori del manifesto che tramite l’assicurazione di ricevere anche quest’anno la strenna natalizia pensano di aver cancellato il danno fatto.
Prendiamo atto della sua volontà di non voler incontraci, quanto organi di rappresentanza, chiarendo che, a differenza di quanto da Lei scritto, l’incontro richiesto non riguarda alcuna contrattazione economica o di secondo livello.
Le chiediamo in quanto proprietario di maggioranza del nostro Gruppo di difendere l’immagine dei dipendenti non solo a parole ma dimostrando di non condividere quanto pubblicato in queste settimane su manifesti e articoli di stampa, questo al fine di mitigare l’insorgere di episodi di intolleranza e ostilità che si stanno verificando specialmente ai nostri sportelli a danno dei lavoratori.
Non vogliano credere che l’amministrazione comunale sia indifferente ad un atto che lede l’immagine dei lavoratori della seconda azienda industriale del nostro territorio che Lei stessa ha definito efficiente e produttiva.
Ribadiamo che la nostra funzione non è politica intesa come partitica ma di rappresentanza e tutela dei lavoratori, pertanto La invitiamo a verificare i verbali degli accordi sottoscritti con le società del gruppo dai quali si evince la correttezza dell’operato delle parti e del buon livello di relazioni sindacali tenuto negli anni.
Distinti saluti,
La RSU del Gruppo Acos



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us