Giorno della memoria, a Novi torna la cerimonia dei lumi. Tante iniziative dall’associazione della Benedicta

Giovedì 27 gennaio ricorre la Giornata Internazionale in ricordo dello sterminio e della persecuzione del popolo ebraico durante l’ultimo conflitto mondiale.
A Novi Ligure La commemorazione per il Giorno della Memoria è in programma alle ore 17,30 all’interno dell’androne di Palazzo Dellepiane, dove si terrà la cerimonia dell’Accensione dei Lumi che vedrà l’intervento del Sindaco di Novi Ligure, Gian Paolo Cabella, e la lettura dei nomi dei deportati della zona. A seguire, in via Cavour 67, sarà reso omaggio alla memoria del concittadino Silvio Salomon Ottolenghi, a cui è dedicata una Pietra d’Inciampo.

L’associazione “Memoria della Benedicta” parteciperà alle diverse iniziative promosse dal Comune e dalla Provincia di Alessandria, e da altri enti e associazioni, in occasione del “Giorno della memoria 2022”. Nel contesto del programma, “Memoria della Benedicta” sarà presente con tre proposte specifiche, messe a disposizione dei cittadini attraverso il proprio sito e la propria pagina Facebook a partire dai prossimi giorni:
1)una video-testimonianza di Ennio Odino (partigiano alla Benedicta, catturato in occasione del rastrellamento del 1944, deportato al campo di Mathausen-Gusen) registrata nel 2006, in occasione di una sua visita al campo nel quale fu internato; la vicenda di Ennio Odino è particolarmente significativa di uno dei tratti che connotò la vicenda della Benedicta: quello della deportazione a Mauthausen, dove morirono ben più di cento dei partigiani rastrellati nella settimana di Pasqua del 1944;
2) in collaborazione con la Fondazione Fossoli, l’intervento del Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, da poco scomparso, pronunciato lo scorso 11 luglio 2021, in occasione del 77° anniversario della strage dei 67 martiri di Fossoli; un contributo che vuole rimarcare come il progetto dell’Europa unita rechi, fin dalle sue radici costitutive, l’impronta di una volontà di rinascita e riscatto rispetto agli orrori della guerra e della Shoah, di cui l’Europa della prima metà del’900 fu levatrice;
3) in collaborazione con la rete dei “Paesaggi della Memoria”, il “Calendario della memoria”, che raccoglie ed espone le date e i luoghi di svolgimento di alcuni dei capitoli più significativi della storia del “secolo breve”, tra i quali la deportazione e lo sterminio degli ebrei; un contributo utile a collocare gli episodi della persecuzione degli ebrei nella nostra provincia nel contesto ampio della storia nazionale.




Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us