Come la maggioranza novese può recuperare il disastro Borovichi

Fra le soluzioni proposte alla guerra in Ucraina stanno emergendo elementi che potrebbero penalizzare anche l’Europa. Forse è lo scotto da pagare per non essere il prossimo obiettivo di Putin, è un giusto compromesso per alleviare le sofferenze degli ucraini e forse la giusta lezione alla nostra classe politica per non aver diversificato il settore energetico.

Oltre alle sanzioni, come dice Biden, ci sono solo le bombe, ma anche questa è una soluzione ad alto rischio e che si ritorcerebbe contro il pianeta intero. Il Moscone non ha il potere di emanare sanzioni, mentre il centro di ricerca nucleare, che si cela dietro una banale sezione del Partito Democratico in Largo Valentina, non ha ancora ottenuto i risultati sperati. Quindi l’unica che ci rimane è prenderli per il culo.

La proposta de Il Moscone per i negoziati di pace prevede il ritiro delle truppe russe dal territorio ucraino in cambio di:

  • Divisione della città di Novi Ligure in due settori, uno sotto l’influenza occidentale e uno sotto l’influenza russa, con costituzione del “Muro di Novi” in via Amendola, presidiato dai Vopos Verdi nel lato filorusso, vandalizzato dai writers e costellato di deiezioni canine nel lato occidentale per tenere impegnato Accili
  • Costituzione del Soviet Supremo Novese. Una gerontocrazia al confronto della quale Breznev, Andropov e Cernenko erano dei liceali imberbi. Età media dei componenti: 88 anni. Giampaolo Cabella nominato Segretario Generale della Severnyia Liga, il partito unico
  • Collegamento aereo giornaliero Novi Ligure Est-Borovichi. Si consiglia ai piloti di frenare in tempo sulla pista di atterraggio dell’aeroporto novese, riaperto per l’occasione, al fine di non invadere la rotonda. In tal caso, il codice stradale prevede la precedenza a destra per tutti i veicoli e i velivoli
  • Erezione di un monumento al Milite Ignoto di Via Mazzini, in memoria del coraggioso gesto che vide protagonista un braccio, un pezzo di mortadella e l’ingresso del Centro Culturale Islamico
  • Divieto assoluto di pubblicazioni contrarie al volere del Soviet. Chiusura della redazione orientale de Il Novese e diffida a Panorama. Blocco all’accesso alle pagine de Il Moscone dai territori orientali.
  • Nuova denominazione dei club calcistici cittadini. Spartak Novese, Torpedo Komollo, Dinamo G3, CSKA Tiger Novi. Istituzione del doping di stato
  • Stop alle gite in pullman rivolte agli anziani dirette alla Riviera Ligure e ai principali centri culturali e artistici del Nord Italia, nonchè ai mercati dell’Alto Adige. Si propongono in alternative viaggi di piacere a Jakutsk durante la stagione invernale, soggiorni di benessere a Norilsk e cure termali a Zeleznogorsk
  • Divieto di apertura di negozi etnici quali ristoranti cinesi, Kebab e Pizzerie. Si propone la Sagra dei Pelmeny al Vino, il Rassolnik , nonchè il piatto tipico delle zone prossime alle ex centrali nucleari sovietiche, l’Arista di Tumore alla Vodka
  • Missione spaziale sperimentale dal nuovo centro di lancio di Viale Pinan Cichero. In ossequio alle precedenti spedizioni congiunte fra USA e URSS degli anni ’70, verrà lanciata verso l’orbita di Marte una stazione spaziale con all’interno i compagni Perocchio, Gatti, Moncalvo, nonchè i tre consiglieri comunali di Solo Novi, con il Mungitore indicato come primo uomo ad aprire una fattoria sul pianeta rosso, che per l’occasione verrà ribattezzato con un colore più appropriato. Obiettivo della missione sarà ottenere il rientro dei sei cosmonauti dopo un anno senza che essi finiscano per accoltellarsi nel mentre (un sito di scommesse clandestine del Kazakhstan offre puntate a 1.02 sulla rissa sulla scaletta della torre di lancio).

Il luogo suggerito per i negoziati è la neutrale località di Pozzolo Formigaro, che verrà considerato un stato cuscinetto per il permanere della crisi. Considerata la sua capacità a prendere posizione in maniera decisa su questioni delicate, la consigliera del M5S Lucia Zippo sarà indicata come mediatore principale.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Enrico Varrecchione

Torna in alto

Contact Us