Cabella: “Farò appello”. Intanto scoppia la pace nella maggioranza

Il sindaco di Novi Ligure Gian Paolo Cabella ieri sera, in apertura della seduta della commissione consiliare, è intervenuto per una comunicazione relativa alla condanna che mercoledì ha ricevuto dal Tribunale di Alessandria. «Ritengo mio dovere informare tutti del fatto che sono stato condannato a 8 mesi per il fallimento di Atm» ha detto il Sindaco. «Sono stato presidente di Atm dal giugno 2011 al marzo 2013 e in quel periodo ho cercato di fare il meglio che potevo, ma il giudice comunque ha ritenuto di condannare tutti quelli che hanno fatto parte del Consiglio di Amministrazione della società e del collegio sindacale. Non conosciamo le motivazioni della condanna, in quanto non sono state ancora depositate, ma comunque ho dato mandato al mio avvocato di fare appello alla sentenza». 

La strada del processo si presenta comunque abbastanza in discesa per gli imputati che decideranno di fare appello: per il primo grado di giudizio ci sono voluti tre anni, e la prescrizione del reato arriverà nei primi mesi del 2024. È probabile che quindi tutto finisca con un nulla di fatto. 

A seguire, in commissione è andata in scena la pace all’interno della maggioranza di centro destra. Una pace guerreggiata, con battibecchi tra Bertoli, il Sindaco e Oscar Poletto. Come in una sceneggiata napoletana, o nelle “Baruffe chiozzotte” di Goldoni, gli ultimatum di Marco Bertoli sono rientrati senza che nessuno precisamente abbia capito come mai prima, abbia affondato il Dup, e dopo, si prepari a votarlo. 

Una finale del resto previsto, non fosse altro perché è l’ennesima volta che le intemperanze di Bertoli e del gruppo “Solo Novi” rientrano senza che i cittadini riescano a capire chiaramente cosa sia successo. Marco Bertoli ha comunque deciso che voterà sia il Dup che il bilancio di previsione, visto che è riuscito a far inserire nei piani del comune la manutenzione della strada collinare, il recupero dei portici vecchi e la manutenzione dello scolmatore del rio Gazzo.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us