Iris riparte dai volontari

Il volontario, ossia una persona che mette a disposizione sé stesso, il proprio tempo, le proprie capacità, per aiutare gli altri. Ma per farlo deve prima di tutto sentirsi egli stesso in uno stato di benessere. Aiutare l’altro è un valore aggiunto che in quanto tale non deve mai farlo sentire come un sacrificio, con conseguenti stati d’animo negativi. Per Iris – Insieme Ritroviamo Il Senso, associazione novese nata nel 2009 con lo scopo di dare assistenza diretta e indiretta ai pazienti oncologici e alle loro famiglie, il benessere dei volontari viene prima di tutto, proprio perché solo stando prima di tutto bene loro, possono riuscire a occuparsi della salute e del benessere dei pazienti. 

Iris è infatti fatta dai volontari, le persone più importanti, quelle che ci mettono tempo e passione.  Oggi, dopo 2 anni di pandemia in cui alcuni dei servizi offerti da Iris si è forzatamente fermata, l’associazione ricomincia proprio da loro, persone che in realtà non si sono mai fermate, ma si sono reinventate in attività differenti per continuare a dare il loro supporto a chi ne aveva bisogno. 
Martedì 15 marzo alle 21 presso la casa del giovane in via Gagliuffi a Novi, verrà presentato il corso di formazione per volontari e autisti volontari. Dieci incontri organizzati con lo scopo di spiegare realmente cosa significhi fare volontariato e in cosa consiste l’attività di Iris. L’ambiente sarà quello di un gruppo, per un confronto aperto non solo tra i partecipanti, ma anche con chi già fa volontariato in Iris e con le figure sanitarie che lavorano a contatto con i pazienti oncologici, esperti nel ramo oncologico e psicologico, ma anche in quello più sociale e spirituale, con attenzione agli aspetti emotivi connessi al paziente e ai suoi famigliari. Questo corso ha l’intento quindi di accompagnare i partecipanti in tutte le aree che rientrano nella definizione di salute secondo l’OMS: uno stato completo di benessere biologico, psicologico, sociale e spirituale. 
Il corso di formazione prevede anche un tirocinio in uno dei servizi di cui si occupa l’associazione. 
La presenza in day hospital oncologico in ospedale a Novi, al momento ancora sospesa a causa del Covid, nella quale i volontari forniscono un servizio di assistenza base e sono presenti nelle stanze di terapia per dare ascolto e sostegno a malati e famigliari. Il trasporto gratuito dei pazienti a fare radioterapia e altri esami e terapie di supporto.  La presidioteca, che offre in comodato d’uso gratuito presidi sanitari nel caso in cui i tempi di attesa siano troppo lunghi, per esempio letti ospedalieri, carrozzine, deambulatori.
Ulteriore servizio offerto, non rientrante tra quelli oggetto di tirocinio, il domicilio, momento in cui prestano vicinanza, ascolto e compagnia e un aiuto per piccole commissioni.

Iris organizza inoltre attività più ludiche, anche queste in via di ripresa, come concerti gospel e di Natale, volte a far stare insieme il gruppo e, in quanto aperte a tutti, a fare da collante con la comunità. Ancora una volta il benessere al centro.
In rispetto alle normative vigenti, è obbligatorio inviare la propria adesione alla serata di martedì 15 marzo entro venerdì 11, scrivendo a info@associazioneirisnovi.it o chiamando il 345/6307483.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Benedetta De Paolis

Torna in alto

Contact Us