La denuncia di Cuccuru: il comune non può fare propaganda al “Si” ai referendum

Costanzo Cuccuru, ex assessore della giunta Cabella e referente dell’area civica “Insieme per Novi”, ha provveduto a segnalare alla segreteria del Comune di Novi che i partiti della maggioranza novese non avrebbero, a suo avviso, rispettato i termini di legge per le pubblicità elettorali nei 30 giorni precedenti le consultazioni, fissate per il prossimo 12 giugno. La segnalazione è relativa ai manifesti sulla Tari che sono stati affissi in due modelli: uno firmato solo dalla Lega, ed uno firmato anche da Forza Italia e Fratelli d’Italia (vedi foto).

Di seguito, la segnalazione di Cuccuru:

Spettabile redazione de “Il Moscone”.
Chiedo cortesemente spazio comunicativo per fare presente che sono affissi in città manifesti a firma Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia che rassegnano al giudizio dei cittadini la complicata vicenda tributaria TARI. Fermo restando il fatto che ogni partito può comunicare, a sua discrezione e responsabilità, su qualsiasi argomento, l’affissione dei manifesti in oggetto, previo accertamento di chi di dovere, non avrebbe rispettato il termine fissato dalla legge 212 art. 6 che vieta qualsiasi propaganda politica fuori dagli spazi appositamente assegnati entro i 30 giorni precedenti l’appuntamento elettorale che nel nostro caso è fissato per il 12 giugno. A tal proposito ho provveduto a recapitare alla segreteria del Comune di Novi una segnalazione di invito ad accertare irregolarità ed eventualmente provvedere in merito. Questo per doveroso rispetto a tutti i soggetti politici e personali che in precedenza sono stati indagati e sanzionati per la stessa irregolarità. Il problema di per sè parrebbe ininfluente ma è bene accertare se la nuova classe politica ed amministrativa che governa la città, oltre ad adottare provvedimenti oltracisti e sanzionatori a questo e quello sono doverosamente rispettosi della legge o meno. La legge è uguale per tutti nessuno escluso.

Costanzo Cuccuru – Area civica “Insieme per Novi”

Inoltre, ci segnala Cuccuru, il comune ieri ha inviato un comunicato stampa, attraverso l’ufficio stampa del comune, con cui promuove un incontro a favore del referendum. Questa appare una evidente violazione delle norme, in quanto le amministrazioni pubbliche, di tutti i cittadini, non possono certo fare propaganda a manifestazioni di parte, tantomeno in periodo elettorale (manca un mese al referendum).

Il comunicato del comune che promuove il si al referendum



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us