Sanità, Ravetti: Sono in atto trasformazioni radicali nella sanità alessandrina?

«Ho appreso dagli organi di informazione notizie, che per il momento non sono state smentite, che mi spingono a porre alcune domande sull’organizzazione della sanità in provincia di Alessandria. Ho rilevato, infatti, che entro la fine del 2022 dovrebbe essere nominato il collegio commissariale impegnato a realizzare la nuova Azienda Sanitaria Ospedaliera Infantile Regina Margherita, autonoma rispetto alla Città della Salute di Torino. Oltre all’autonomia aziendale si evidenzierebbe per l’Infantile torinese l’obiettivo del riconoscimento ad Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Ho letto, inoltre, che tra i possibili Commissari, è stato indicato il nome del Direttore Generale del Santi Antonio e Biagio di Alessandria, fatto di per sé poco significativo (se non per la qualità del professionista), ma potenzialmente indicativo rispetto ad una possibile traccia di lavoro che vorrei fosse cancellata dalle mappe della Regione Piemonte» spiega il Consigliere regionale del Partito Democratico Domenico Ravetti.

«Qualora infatti – prosegue Ravetti – nelle valutazioni regionali fosse inserita la possibilità di eliminare l’Ospedale Infantile “Cesare Arrigo” dalla gestione dell’Azienda Sanitaria Ospedaliera di Alessandria per assegnarlo alla nuova Azienda Sanitaria Ospedaliera Infantile di Torino, mi farò promotore di un un’azione istituzionale e politica decisamente contraria. Purtroppo, in passato, ho dovuto rilevare che le “voci di corridoio” spesso anticipano le scelte ufficiali e, quindi, se fosse in atto la trasformazione dell’Azienda ospedaliera di Alessandria in Azienda Ospedaliera Universitaria vorrei conoscere nei particolari gli effetti, i limiti e i vantaggi. Non ho maturato pregiudizi in tal senso, anzi, ma sarebbe quantomeno normale un confronto in modalità aperta, oltre che nei tempi giusti».
«Vorrei, pertanto – conclude Ravetti – fare chiarezza e porre alla Giunta regionale, nelle sedi opportune, due domande importanti per la nostra Provincia: “È prevista la trasformazione dell’ospedale in Azienda Ospedaliera Universitaria? Nel frattempo si può escludere che l’infantile sarà gestito dai torinesi? Alla ripresa dei lavori istituzionali, inoltre, chiederò una comunicazione ufficiale da parte dell’Assessore alla Sanità per avere aggiornamenti sulle magnifiche sorti progressive dei lavori del nuovo ospedale. Del futuro di Alessandria si discuta ad Alessandria. Almeno questo!».

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us