Sisti: diamo la cittadinanza onoraria di Novi al Milite Ignoto

L’assessore comunale alla cultura Andrea Sisti ha comunicato che il comune di Novi intende conferire la cittadinanza onoraria al milite ignoto, sepolto presso l’altare della patria. 

Sono molti i comuni italiani che, in occasione del centenario della traslazione della salma presso l’altare, stanno conferendo la cittadinanza onoraria alla sconosciuta vittima della grande guerra. 
La proposta arriva Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, ed è sostenuta anche dal Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d’Arma.
Il Milite Ignoto è un militare morto in guerra il cui corpo non è stato identificato e che si pensa non potrà mai essere identificato. La sua tomba è una sepoltura simbolica che rappresenta tutti coloro che sono morti in un conflitto e che non sono mai stati identificati.
La pratica di avere una tomba del Milite Ignoto si è diffusa dopo la prima guerra mondiale, un conflitto in cui il numero di corpi non identificati fu enorme; fino ad allora i monumenti erano dedicati solo ai condottieri: per i caduti c’erano cimiteri di guerra.
La prima tomba di milite ignoto dopo la prima guerra mondiale fu creata in Francia, sotto l’arco di trionfo a Parigi e in Inghilterra all’abbazia di Westminster per le commemorazioni dell’11 novembre 1920.
In Italia dopo ampia discussione fu deciso che la salma sarebbe stata tumulata al Vittoriano, il cosiddetto Altare della Patria, e così avvenne il 4 novembre 1921, terzo anniversario della vittoria. La salma fu scelta tra undici cadaveri raccolti in undici significativi teatri di guerra, nella basilica di Aquileia, dalla madre di un sottotenente irredento disperso, Maria Bergamas, in rappresentanza di tutte le donne italiane, mamme e spose di soldati dispersi nella Grande Guerra. 

Il 4 novembre 1921 anche a Novi Ligure ci furono celebrazioni per la tumulazione della salma. Ne diede conto il periodico “Il Popolo” nell’edizione del 13 novembre 1921. 
-------

Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

andrea vignoli

Giornalista, scrittore, insegnante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us