Lo scoop: è Acos che usa le strutture della Festa dell’Unità gratis

Il vostro Moscone è andato a ronzare intorno al giallo politico dell’estate, quello riguardante le strutture della festa dell’Unità accatastate presso un magazzino di Gestione Ambiente. Ne abbiamo scoperto una bella… 
La vicenda nasce in consiglio comunale, quando il segretario della Lega e nipote del sindaco Giacomo Perocchio “svela” di aver scoperto che presso la cascina alessandrina, in strada Boscomarengo, ci sono degli arredi di proprietà del Partito Democratico. La cascina alessandrina è di proprietà di Srt che gestisce la vicina discarica, ed è data in affitto a Gestione Ambiente (subentrata ad Acos Ambiente). All’interno della cascina, in uno spazio fatiscente, sono stoccati arredi la cui proprietà si perde nella notte dei tempi, visto che probabilmente furono acquistati dal comitato di zona del Pci negli anni ‘80. Lo spazio è fatiscente in quanto non ci sono né servizi, né acqua, ne corrente elettrica, e piove dal tetto. Masserizie che, in base a quanto siamo riusciti a scoprire, sono lì da prima che la cascina venisse acquistata da Srt. 
Uno spazio “dimenticato” che ha fatto nascere un carteggio tra l’assessore al bilancio Maurizio Delfino e l’amministratore delegato di Gestione Ambiente Paolo Selmi (nominato dalla passata amministrazione) in cui l’assessore adombra il dubbio di un danno erariale. Una polemica estiva mirata a distogliere l’attenzione dai continui screzi interni alla maggioranza di centro destra.
Ma cosa ha scoperto il Moscone? Se da un lato è vero che il Partito democratico ha usufruito di uno spazio inutilizzato affittato da Gestione Ambiente, c’è anche il caso opposto. È Acos stessa ad usare una struttura di proprietà della festa dell’Unità. 
Stiamo parlando della tensostruttura presente presso il parco di Bettole, sotto cui nella bella stagione viene svolta la festa dell’acqua, e numerose iniziative pubbliche di Acos. Quel tendone, ancorato a fianco della baita, è in uso ad Acos dal 2006 (15 anni), ed è stato comperato dal Pds per il ristorante della festa dell’unità. 
Visto che Delfino è alla ricerca di un contratto d’affitto per l’uso del magazzino di Gestione Ambiente da parte del Pd, già che c’è cerchi anche il contratto per l’uso del tendone del Pd da parte di Acos. Perché ci viene il dubbio che costi di più affittare il tendone, che il vecchio magazzino abbandonato. Quanto avrebbe speso Acos se ogni anno avesse affittato il tendone, montaggio e smontaggio compresi? Qualche migliaio di euro, probabilmente. Moltiplicate per 15 anni…
Probabilmente stavolta il Moscone farà un po’ arrabbiare il Pd, che quanto abbiamo scritto lo sa benissimo, ma non lo aveva ancora detto. Probabilmente, aspettava il momento giusto per tirare fuori le carte, magati in consiglio comunale, e ora gli abbiamo rotto le uova nel paniere. Ma una vecchia regola del giornalismo dice che, quando si ha una notizia, la si deve dare.

I vertici di Acos sotto il tendone della festa dell’Unità
Assemblea di bilancio Acos sotto il tendone della festa dell’Unità
un evento


Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Un pensiero su “Lo scoop: è Acos che usa le strutture della Festa dell’Unità gratis

  1. Alla fine, non era quindi il pd che approfittava di Acos, ma era Acos che “approfittava” del Pd?
    Indubbiamente c’era una commistione di interessi, ma a favore di chi, del partito o dei cittadini? Acos è sempre stata una azienda sana, anche perchè non buttava via i soldi… ad esempio, prendendo i teloni della festa dell’unità e dando in cambio un magazzino fatiscente.
    la lega arrivata al potere ha moltiplicato i posti nei consigli di amministrazione per dare una poltrona ad amici e trombati. Il Pd dava gratis le strutture della festa. E alla fine, hanno ancora ragione loro. Arroganza, prepotenza, impreparazione, faccia tosta: ecco il buonsenso cosa è secondo loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us