Mcm, verso la chiusura l’azienda di Mazzarello 

Il figlio Silvio si fregia di aver salvato il Cit, svendendolo per 150mila euro ai romani di Trotta Bus. Ma per l’azienda di famiglia, la Mcm autotrasporti, il destino sembra segnato. 

I lavoratori della ditta novese con sede in strada del Turchino lunedì  sono scesi in sciopero per protestare contro   il mancato pagamento degli stipendi, in alcuni casi anche da due mesi. 

L’azienda è di proprietà del Giancarlo Mazzarello,  padre di Silvio (nella foto), presidente del Cit e amministratore delegato di Gestione Ambiente, la partecipata Acos che si occupa di raccolta rifiuti. Mazzarello è stato nominato nella aziende comunali dal decaduto sindaco Gianpaolo Cabella. 

Silvio Mazzarello non ha più alcun ruolo nell’azienda di famiglia. Lo sciopero è stato indetto dalla Flt-Cgil.

 

Silvio Mazzarello


Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto

Contact Us