La diretta: al Ciampini Boccardo si discute di mafie al nord e ‘ndrangheta in Piemonte

In diretta il quarto incontro del progetto “Educazione alla legalità e al contrasto delle mafie” promosso dall’istituto Ciampini-Boccardo di Novi Ligure. Gli studenti sono in collegamento con Maria Josè Fava, referente di Libera Piemonte, che parlerà delle mafie al Nord e della presenza dell’ndrangheta in Piemonte.

Nonostante sia ormai accertato dalle inchieste giudiziarie la presenza delle mafie al Nord diversa è la percezione che hanno le popolazioni settentrionali della pericolosità del fenomeno ritenendolo, anzi, strettamente legato al Sud Italia e, per questo motivo, sottovalutato, qualcosa di cui non è abbastanza necessario preoccuparsi. Le inchieste hanno dimostrato invece come la ’Ndrangheta, in particolare, è una presenza stabile in Piemonte e ha raggiunto livelli importanti di controllo del territorio e, in alcuni casi, l’infiltrazione è stata così importante da arrivare allo scioglimento di alcune giunte comunali, come il caso del comune di Bardonecchia, nel 1995. La lotta alle mafie è una responsabilità collettiva nell’ottica di far crescere la consapevolezza tra i cittadini, di sviluppare un senso critico e, soprattutto, di trovare gli strumenti per contrastarla.

Un grazie particolare alla professoressa Valentina Avvento, anima del progetto di educazione alla legalità al Ciampini-Boccardo.



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

redazione moscone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto

Contact Us