Un Natale differente con i consigli di Gestione Ambiente

Durante le festività natalizie, le nostre case si riempiono di amici e parenti, di cibo, di regali, di addobbi, di magia, ma anche di tanti (troppi) rifiuti.  Per non trasformare la raccolta differenziata in un’impresa e continuare a rispettare l’ambiente, ecco i consigli da seguire.

Decorazioni e luci. Se sono danneggiati, i festoni e le palline vanno conferiti nel secco non riciclabile, mentre le luci di Natale che non funzionano più (che siano state usate per l’albero, il presepe o qualsiasi altra decorazione) vanno portate al Centro di raccolta. Come mai? Perché sono dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) e pertanto non puoi conferirli nella raccolta differenziata domestica. Solo le lampadine alogene o a incandescenza vanno nel secco non riciclabile.

Alberi di Natale. Se il tuo albero è vero, ma senza radici – quindi non è più trapiantabile – può essere trasformato in fertilizzante da riutilizzare in agricoltura o portato presso il Centro di raccolta. L’importante è evitare che finisca nei cassonetti dell’indifferenziato o, addirittura, ammassato vicino ai contenitori per la raccolta dei rifiuti. Le parti più piccole vanno nel contenitore del vegetale o nella compostiera; le parti più grandi vanno portate al Centro di raccolta o ritirate con il servizio ingombranti a domicilio. Anche l’albero di Natale sintetico deve essere portato al Centro di raccolta oppure ritirato con il servizio ingombranti a domicilio, anche se sarebbe bene riusarlo il più possibile nel corso degli anni. 

Regali. La classica carta da regalo (carta da pacchi e carta crespa) va dritta nella carta, mentre quella in plastica o argentata o dorata va nel contenitore del secco non riciclabile, così come i nastri e i fiocchi usati per abbellire i pacchi. Se hai ricevuto in regalo un pacco ricco di prodotti alimentari, spesso presentati in un bel cesto di vimini, quel cestino andrà nella raccolta del legno (effettuata al Centro di raccolta), mentre la paglietta sintetica sul fondo puoi conferirla negli imballaggi in plastica e lattine. Altri materiali che possono saltar fuori dai regali di Natale sono scatole e scatoloni (di cartone, dunque vanno nella carta), imballaggi in polistirolo e pluriball (nella plastica). Se gli imballaggi sono di grandi dimensioni, la loro destinazione è il Centro di raccolta.

Pranzo di Natale. A tavola saltano vengono usati i tovaglioli colorati, coordinati con le decorazioni per l’occasione, purtroppo vanno nel secco non riciclabile al contrario di quelli bianchi (puliti o sporchi di cibo) che invece puoi conferire nell’umido insieme agli scarti alimentari. Spesso per le festività si usa il servizio buono: se apparecchiando la tavola hai inavvertitamente rotto un bicchiere di cristallo o di vetro o un piatto di ceramica, getta i cocci nel secco non riciclabile, mai nella raccolta del vetro. In cucina, poi, proliferano vaschette e fogli in alluminio, così come la carta da forno: i primi vanno insieme alla plastica, la seconda invece nel secco non riciclabile (a meno che sia compostabile). 

Tra gli assoluti protagonisti non possiamo non ricordare i dolci, in primis panettone e pandoro. Una volta finiti, le confezioni vanno separate correttamente: il cartone esterno va conferito nella carta, la piccola maniglia e il laccetto di chiusura nel secco non riciclabile, il sacchetto interno nella plastica, lo stampo del Panettone, se pulito va nella carta, se rimangono residui di cibo ed è certificato compostabile, va nell’umido, e il sacchetto contenente lo zucchero a velo del Pandoro nella carta. 

Infine, non può mancare la bottiglia di spumante: dopo aver stappato, getta la gabbietta negli imballaggi in plastica e lattine e il tappo di sughero nella raccolta dell’umido. Una volta svuotata, la bottiglia va naturalmente nel vetro. Ricorda che, invece, i tappi in plastica o metallo vanno negli imballaggi in plastica e lattine e i tappi in silicone nel secco non riciclabile.

Vetro. Tra brindisi di Natale e Capodanno, avrete accumulato qualche bottiglia vuota, che va gettata negli appositi contenitori, le campane stradali del vetro, senza tappi e gabbiette.

Gestione Ambiente
www.gestioneambiente.net – pagina Facebook gestioneambientespa – app Junker

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us