Piccole storie di quotidiano razzismo novese

“Sei pronta a tornare a casa quando arriva la Meloni?”. Novi Ligure, anno 2022. Una ragazza novese di colore, cittadina italiana, è stata vittima di un episodio di razzismo becero e ignorante. 

Il fatto è stato denunciato sui social dalla madre della ragazza, che l’altra sera mentre portava a spasso il suo cane è stava avvicinata da un uomo, anche lui con il cane.L’uomo prima le ha chiesto se parlasse italiano, poi se avesse la cittadinanza italiana. La ragazza, intimidita, ha risposto affermativamente a entrambe le domande. 

A quel punto l’uomo, con un sorriso compiaciuto, le ha chiesto se era “pronta a scappare quando la Meloni salirà al potere”. La ragazza, allibita, è andata via senza rispondere. 

Razzisti ce ne sono sempre stati – scrive la madre – ma, ultimamente, questi episodi sono aumentati a tale livello che le mie figlie, non si sentono più sicure ad uscire da sole neanche di giorno” aggiungendo che una delle figlie “ha il terrore di iniziare la scuola nuova perché teme che qualcuno possa dirle qualcosa per il suo aspetto”.

Proviamo a metterci nei panni di questa famiglia, con due ragazze che ogni giorno devono temere di essere giudicate non per quello che sono, ma per il colore della loro pelle. 
Non possiamo dare la colpa a Meloni o Salvini del comportamento di quell’uomo miserabile che si è sentito fiero di aver terrorizzato una ragazzina: le responsabilità sono individuali. Ma sicuramente questo clima d’odio ignorante, questo razzismo che ogni giorno torna su dalla fogna in cui l’intelligenza umana dovrebbe cacciarlo, è anche frutto di una politica che continua ad additare i migranti “che arrivano sui barconi con lo smartphone nuovo” ad un corpo elettorale che ha bisogno di un nemico a cui addebitare la propria miseria umana. 

“Davvero volete votare Meloni?” si chiede la mamma. A noi viene in mente un’altra domanda: davvero qualcuno vuole il voto di simili personaggi? Se non lo vuole, lo dica chiaramente, senza se e senza ma. 



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto

Contact Us