Inceneritore, Fava: con un referendum facciamo decidere ai cittadini

Si è svolta ieri sera la prima assemblea cittadina promossa da Pro Natura Alessandria insieme ad Italia Nostra, in collaborazione con l’associazione Agriambiente, per fare il punto sulla questione del termovalorizzatore.  Buona la partecipazione di pubblico nonostante l’afa della sala situata sopra il Forno dell’antica ricetta. 

Ha introdotto la serata Pierluigi Cavalchini, che ha comunicato che sul progetto del termovalorizzatore (inceneritore) nulla di ufficiale è stato deposita in provincia. Sergio Capelli di Legambiente ha illustrato una approfondita relazione sulla attuale tecnologia degli impianti e sui dati reali di rifiuti indifferenziati prodotti nella nostra Regione. Dai dati di Legambiente, è evidente come oggi i rifiuti prodotti non sono neppure sufficienti a far funzionare a pieno regime l’unico termovalorizzatore oggi presente in regione, quello del Gerbido a Torino. 

Si rende così assolutamente superflua, dal punto di vista dei problemi di smaltimento dei rifiuti, la costruzione di un ulteriore impianto a Novi Ligure o altrove in Regione. Il sistema di raccolta porta a porta dei rifiuti, insieme alla cosiddetta tariffa puntuale, ha permesso dove è stato attivato di superare una quota di raccolta indifferenziata superiore all’80%, che una volta raggiunta in ogni zona della regione renderebbe ancor più inutile la costruzione di un ulteriore impianto di incenerimento.

Ha infine preso la parola Maurizio Fava, presidente della Soms di Novi Ligure, che ha proposto l’indizione di un referendum cittadino sul tema. «A Novi è stato sbandierato il risultato di un sondaggio secondo cui il 63% dei novesi sarebbero favorevoli all’impianto – ha detto Fava – se ne sono così certi, non vedo che problemi possano avere a convocare un referendum e passare la parola ai cittadini». 
Fava a quindi proposto di organizzare un referendum cittadino, come previsto dallo statuto comunale. Il referendum può essere organizzato attraverso le firme del 5% degli elettori novesi, oppure direttamente dai consiglieri comunali. 



Segui il moscone su Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo https://t.me/ilmoscone oppure per "dire la tua" scrivici su WhatsApp al numero +39 320 713 7299 (no telefonate)

Condividi questo articolo

Red

Torna in alto

Contact Us